Matteo Bittante

Vicolo allo specchio 1

I'm a paragraph. Click here to add your own text and edit me. It’s easy. Just click “Edit Text” or double click me to add your own content and make changes to the font. I’m a great place for you to tell a story and let your users know a little more about you.

 

Use this area to describe one of your services. You can change the title to the service you provide and use this text area to describe your service. Feel free to change the image.

 

Stefano Fardelli

Links

DanceHaus Company

Uno spettacolo di Stefano Fardelli

Con la partecipazione dei giovani danzatori di DanceHaus

produzione: DANCEHAUSpiù / Associazione Culturale Excursus Onlus

In questa creazione del giovane coreografo Stefano Fardelli, commissionata dall’Attakkalari Centre of Movements Arts di Bengalore e supportata dall’ Ambasciata Italiana di Mumbai in India, i Dzlinksdz del titolo sono i cavi elettrici che attraversano il cielo nelle città indiane, connettendo i vari palazzi tra loro ed in qualche modo, idealmente, anche le vite delle persone che vi vivono all’interno. La notte, le strade sono illuminate da pochi lampioni e l’asfalto di un colore biancastro sembra lo schizzo di un dipinto in bianco e nero...Sono solo alcune delle immagini impresse nel ricordo del coreografo durante i suoi soggiorni indiani che ora rivivono sulla scena come ricamate in un arazzo di corde colorate che tagliando lo spazio in modi e livelli diversi disegnano una tela complessa davanti agli occhi dello spettatore. 25 giovani danzatori attraverso i loro corpi entrano in connessione con questo labirinto sperimentando nuove connessioni, trasformando il proprio corpo in materia conduttrice, riscoprendosi al centro di legami inscindibili.

DanceHaus

2 Dicembre - Ore 20:30

Artedanzae20 

Festival Exister_17

FASTIVAL di DANZA CONTEMPORANEA 

a cura di  Annamaria Onetti

Il festival Exister è parte di DancehausPiù 

progetto di promozione danza 

L'edizione 2017 del Festival Exister è dedicata a Marta Ruiz, coreografa colombiana che ha lavorato diversi anni a Milano contribuendo alla nascita di ArtedanzaE20.

La danza che cambia 

La danza che genera relazioni fra lo spazio e i corpi.

Lo spazio che diviene contenitore e contenuto per una ricerca artistica profonda.

Olimpia Fortuni

Fray

di Olimpia Fortuni
interprete: Pieradolfo Ciulli
musiche: Luca Scapellato
costume e scenografia: Olimpia Fortuni
Realizzato con il sostegno di Sementerie Artistiche e Fattoria Vittadini

Tutto è nato per andare sempre più veloce, è il ritmo del caos. Dal Big Bang ad oggi i pezzi del puzzle dell’esistenza diventano sempre più microscopici, come frattali, e noi oggi non siamo altro che una parte piccolissima del ripetersi di un disegno dell’esistenza di grandezze inimmaginabili. Delicati e fragili quanto un bicchiere di cristallo che, prima o poi, cadrà e si romperà in mille pezzi, poiché è l’inevitabile direzione della vita che tende alla disgregazione e alla frammentazione. “Fray”è una vivisezione cruda del corpo che vive e che corre, oggi, più che scorrere, consumandosi ed esaurendosi. Un cimitero di ossa, fotografia del futuro, parte di quello che materialmente saremo, per ricordarci quanto non sia scontato essere qui, ora. L’influenza dei nostri tempi trasforma la decomposizione in altro ordine e il caos non solo si espande verso il fuori ma dall’interno implode. La pesca che compriamo al supermercato marcisce dentro, mentre fuori la pelle rimane accattivante e desiderosa di essere assaggiata. Noi, nel nostro degrado globale e individuale, seguiamo lo stesso processo fisicamente, spiritualmente, socialmente, culturalmente. Così non solo la vita, ma anche la morte è diventata ambigua e, se esteticamente possiamo godere di tutti i formulati di bellezza e onnipotenza, dentro non possiamo fermare il nostro eterno viaggio verso il caos.La potenza e la bellezza della vita sfugge inconsapevole come la meraviglia di un corpo danzante nel suo viaggio dentro e fuori di sé.

Luna Cenere

Kokoro

di e con Luna Cenere

musiche: Gerard Valverde

disegno luci: Gaetano Battista

Produzione Körper

Collaborazione alla produzione VirgilioSieni/Centro Nazionale di produzione

Vetrina della giovane danza d’autore - Azione del Network Anticorpi XL coordinata dall’Associazione Cantieri

 

"Kokoro" è una singola parola giapponese che possiamo tradurre come il nostro "essere interiore", ma che letteralmente abbraccia due parole/concetti, quali "la  mente" e "il cuore". Questo assolo è la personale ricerca di un unicità dell’essere, un percorso interiore divenuto percorso fisico nello lo spazio, durante il quale il corpo nudo, attraverso la sua  esposizione e specifica architettura, si trasfigura e diviene veicolo poetico facendo emergere immagini appartenenti e non ad un‘mondo irreale.  Queste immagini, radicate nella coscienza collettiva, si sublimano nel racconto di un’esperienza personale, per poi tramutare questa stessa , attraverso la scena, in esperienza collettiva.

Marco Chenevier

Questo lavoro sull'arancia

di Marco Chenevier

con Marco Chenevier e Alessia Pinto

scene e disegno luci: Andrea Sangiorgi

mentoring: Roberta Nicolai e Roberto Castello

produzione: TiDA Théâtre Danse

con il sostegno di TWAIN Residenza di spettacolo dal vivo della Regione Lazio e di MiBACT - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Valle d'Aosta

"Questo lavoro sull'arancia" vuole dare forma a una domanda molto precisa: cosa accade se uno spettacolo di danza, anziché come oggetto di linguaggio, viene costruito quale esperienza? Il coreografo si concentra sulla natura del dispositivo scenico attraversandolo insieme al pubblico in un'ottica incentrata su dinamiche esperienziali condivise attraverso la danza: dandosi come regola l'impossibilità di comunicare direttamente con il pubblico, vuole proporre diversi frangenti in cui gli spettatori vorrebbero intervenire. 

Milano - Via Legnone 56 Lombardia Italy - info@artedanzae20.com