Matteo Bittante

Vicolo allo specchio 1

Stefano Fardelli

Links

DanceHaus Company

Uno spettacolo di Stefano Fardelli

Con la partecipazione dei giovani danzatori di DanceHaus

produzione: DANCEHAUSpiù / Associazione Culturale Excursus Onlus

In questa creazione del giovane coreografo Stefano Fardelli, commissionata dall’Attakkalari Centre of Movements Arts di Bengalore e supportata dall’ Ambasciata Italiana di Mumbai in India, i Dzlinksdz del titolo sono i cavi elettrici che attraversano il cielo nelle città indiane, connettendo i vari palazzi tra loro ed in qualche modo, idealmente, anche le vite delle persone che vi vivono all’interno. La notte, le strade sono illuminate da pochi lampioni e l’asfalto di un colore biancastro sembra lo schizzo di un dipinto in bianco e nero...Sono solo alcune delle immagini impresse nel ricordo del coreografo durante i suoi soggiorni indiani che ora rivivono sulla scena come ricamate in un arazzo di corde colorate che tagliando lo spazio in modi e livelli diversi disegnano una tela complessa davanti agli occhi dello spettatore. 25 giovani danzatori attraverso i loro corpi entrano in connessione con questo labirinto sperimentando nuove connessioni, trasformando il proprio corpo in materia conduttrice, riscoprendosi al centro di legami inscindibili.

Teatro Franco Parenti

4 Dicembre - Ore 20.30

Artedanzae20 

Festival Exister_17

FASTIVAL di DANZA CONTEMPORANEA 

a cura di  Annamaria Onetti

Il festival Exister è parte di DancehausPiù 

progetto di promozione danza 

L'edizione 2017 del Festival Exister è dedicata a Marta Ruiz, coreografa colombiana che ha lavorato diversi anni a Milano contribuendo alla nascita di ArtedanzaE20.

La danza che cambia 

La danza che genera relazioni fra lo spazio e i corpi.

Lo spazio che diviene contenitore e contenuto per una ricerca artistica profonda.

Compagnia Enzo Cosimi

Thanks for hurting me

Kafka. Un tributo postumo

regia, coreografia, scene e costumi: Enzo Cosimi

interpretazione e collaborazione alla coreografia: Paola Lattanzi, Elisabetta Di Terlizzi, Alice Raffaelli 

video: Stefano Galanti

disegno luci: Matteo Crespi, Enzo Cosimi

musica a cura di Enzo Cosimi e Stefano Galanti

testi:  Giulia Roncati

organizzazione: Anita Bartolini

produzione: Compagnia Enzo Cosimi, MIBACT, Regione Lazio

con il sostegno per la residenza di Amat, Artedanzae20/DanceHaus e di Festival Quartieri dell’Arte di Viterbo

 

La terza tappa  del progetto "Sulle passione dell'anima" è dedicata all'esperienza emozionale e sensoriale del dolore, processo che permette di santificare l'uomo e allontanarlo dalla vita. L'avvento del nichilismo ha annullato ogni valore metafisico in un sistema dominato dalla tecnologia e dalla scienza. Quindi il dolore viene estirpato dalla vita perché non abita più persone ma strumenti. Dal mutato rapporto con il Dolore sorge una nuova modalità di  pensiero che celebra il mondo virtuale, la velocità e la narcosi, in una sola parola, la fuga. Visioni e narrazioni in cui vere storie e biografie inventate si mescolano fra loro, in cui si mette in crisi l’idea di una narrazione ufficiale e oggettiva e si inseguono invece rappresentazioni più oblique e complesse. L’idea è di orchestrare una polifonia di sensazioni in cui il senso di drammatizzazione vale molto di più del processo di descrizione, creare una drammaturgia a più livelli, multidimensionale riconducibile all’eliminazione dei confini tra le discipline artistiche, mettendo il corpo protagonista dell’intero processo artistico. La  drammaturgia del lavorosi serve come complice dell’universo Kafkiano attraverso dispositivi necessari per imbastire una scrittura del  corpo sincretica dove il dolore insegna ad ascoltare e a trasmettere l'unicità dell'essere umano. 

Milano - Via Legnone 56 Lombardia Italy - info@artedanzae20.com