gio 21 ott | DanceHaus

21 Ottobre | BOB di M. Marchesi - THE EXISTENCE OF THE MIRRORS di N. Nahavandy

21 Ottobre | BOB di M. Marchesi - THE EXISTENCE OF THE MIRRORS di N. Nahavandy
Ci spiace ma abbiamo esaurito i posti per questa data!
21 Ottobre | BOB di M. Marchesi - THE EXISTENCE OF THE MIRRORS di N. Nahavandy

Orario & Sede

21 ott, 20:00
DanceHaus, Via Tertulliano, 70, 20137 Milano MI, Italia

L'evento

BOB di Matteo Marchesi  Autore e Performer: Matteo Marchesi  Consulenza/laboratorio: Lucio Guarinoni

Consulenza musicale: Andrea Marinelli

Costume Designer: Elena Rossi  Produzione: Zebra  Coproduzione: Festival Danza Estate (Bergamo) Con il sostegno di: Qui e ora residenza teatrale Con il supporto di: Centro per la scena contemporanea (Bassano del Grappa), Centro danza Canal (Madrid), Orlando festival (Bergamo), Rete habitat - sementerie artistiche (Bologna), Residenza c32 - Forte Marghera (Venezia)

ph: Gabriele Pandolfi

La creatura che si presenta sulla scena vive in uno spazio denso, che si scioglie con la presenza degli spettatori. Abita le soglie di un mondo altro.

È un essere che vive al buio, instabile come tutto ciò che lo abita, e che apprende come muoversi come se fosse appena nata. Scopre del suo peso, dei suoi peli, di quanto si può fare piccola e grande. Ed è un gioco.

Si disarticola, si crea e si ricrea avvicinandosi alla soglia. A volte maschio, a volte femmina, a volte entrambi o nessuno. Scopre la bocca, mangia, mastica, ha fame.

È predatrice e nel buio si apre la strada. Tanto infantile quanto dissacrante assume un carattere violento.

È il mostro che invita ad attraversare i limiti e a profanare la realtà conosciuta e normata, è al tempo stesso incarnazione di ogni paura ed attrattiva inconscia verso un universo oscuro, profondo, altro rispetto a quello quotidiano e suo specchio.

Questa creatura, BOB, accompagna in un lavoro sul corpo non gradevole e non gradito, e su come esso possa farsi racconto di un altrove marginale, di uno spazio oscuro che accoglie chi è messo da parte rispetto a una norma, chi è al limite, o oltre il limite stesso nella rappresentazione di sé e della propria vitalità.

THE EXISTENCE OF THE MIRRORS

di Niyayesh Nahavandy

Ideazione e coreografia: Niyayesh Nahavandy

Interpreti: Camilla Paris, Niyayesh Nahavandy, Beatrice Manvati

Assistente alla produzione: Karim Di Gennaro  Produzione: Niyayesh Nahavandy

L'ambiente di lavoro è una struttura onirica per esplorare temi come nascita, rinascita, decisione, fiducia, identità, potere e desiderio.

Il simbolismo nell'opera contribuisce anche alla sua qualità onirica. È una rappresentazione del punto di vista soggettivo della mente dell'autrice in cui si confronta con i concetti di realtà interiore ed esteriore.

“The existence of the mirrors” è costituito da sequenze accuratamente strutturate che ritraggono il viaggio della "figura d'oro" attraverso il suo mondo di sogno interiore. È nata per scoprire e conoscere meglio ciò che la circonda, sebbene soffra di una naturale insicurezza e alienazione. Ogni sequenza rivela più dettagli del suo difficile rapporto con l'ambiente circostante.

Dalle ore 18.30 aperitivo HangarQ

Per accedere all'evento è obbligatorio essere muniti di Green Pass, e quindi, da sito www.dgc.gov.it:

  • aver effettuato la prima dose o il vaccino monodose da 15 giorni;
  • aver completato il ciclo vaccinale;
  • aver fatto la dose aggiuntiva al primo ciclo di vaccinazione;
  • essere risultati negativi a un tampone molecolare nelle ultime 72 ore o antigenico rapido nelle 48 ore precedenti;
  • essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti.

Per evitare assembramenti ti chiediamo gentilmente di presentarti con 30 minuti di anticipo rispetto l'orario di inizio.

Condividi questo evento