top of page

DA MARZO A NOVEMBRE

23 serate di spettacolo

47 performance di danza contemporanea

MARCO DI NARDO e JUAN TIRADO, SLY e GIACOMO TURATI, JESSICA D'ANGELO, CLAUDIA LATINI E GIOVANNI LEONARDUZZI, LARA GUIDETTI, ARISTIDE RONTINI, FRANCESCA LETTIERI, ELWIRA PIORUN, GLORIA DORLIGUZZO, PAOLA LATTANZI, MARIO COCCETTI, MATTEO BITTANTE, MERITXELL BARBERÁ e INMA GARCÌA, JAMES PETT e TRAVIS CLAUSEN-KNIGHT, STEFANIA MENESTRINA e SOFIA GALVAN, MARISA RAGAZZO e OMID IGHANI, VIDAVÈ, CARLO MASSARI, SUSAN KEMPSTER, ELISA BARUCCHIERI, FRANCESCA FOSCARINI, PABLO GIROLAMI, OR MARINE, SILVIA PRIORI e ROBERTO GERBOLES, DAVIDE VALROSSO, MICHELA PRIULI, NICOLETTA CABASSI, ROBERTO TEDESCO, CHIARA AMEGLIO, SALVATORE ROMANIA e LAURA ODIERNA, EMMA CIANCHI. 

ARTISTƏ EXISTER 2023

In copertina Ordinary People di Marco di Nardo e Juan Tirado.

Foto di Alvaro Rodriguez

 

IN PRIMO PIANO

Iscriviti alla nostra newsletter 

Grazie per l'iscrizione!

D'ora in poi sarai sempre aggiornato

con la nostra Newsletter

EXISTER è la stagione di danza promossa e organizzata da DANCEHAUSpiù. Attiva nella città di Milano dal 2008 sotto la direzione artistica di Annamaria Onetti, nel 2022 ha compiuto i suoi primi 15 anni sulla scena. Una vetrina e punto di riferimento per la danza d’autore italiana, Exister negli anni si è trasformato e da Festival, con un programma disseminato e nomade che si appoggiava su spazi e luoghi differenti della città di Milano, è diventato ora una stagione.  

 

Dal 2011 è parte integrante della progettualità del Centro di Produzione, e da quel momento ha trovato la sua casa in DanceHaus mantenendo però una stretta relazione con i teatri del territorio, tra gli altri il Teatro Fontana con cui collabora annualmente dal 2017.  

 

Ogni anno ospita un ampio e ricco ventaglio di spettacoli dedicato alla giovane coreografia, alla ricerca e all’innovazione ponendosi in ascolto delle nuove proposte del panorama contemporaneo. Guarda alla promozione dei nuovi spettacoli degli artisti associati di DANCEHAUSpiù, all’ospitalità di noti coreografi della scena nazionale, alle nuove generazioni, alla danza d’autore fino a proposte provenienti dall’offerta internazionale. In questo ultimo anno lascia la parola Festival verso Una stagione di danza, ma mantiene intatto il suo nome e il suo scopo: far esistere la danza. 

bottom of page